4.4 Un nuovo servizio di e-recruiting erogato dal servizio Placement universitario

Nel corso della collaborazione con il gruppo di ricerca Knowdive si è cercato di studiare le potenzialità di un servizio di e-recruiting come quello presentato nel caso questo fosse erogato dalla divisione Placement dell’Università degli Studi di Trento. Analizzando nel dettaglio le esigenze di questa divisione, la posizione che ricopre a livello istituzionale e immaginando la tipologia di utenti che possono essere coinvolti in un servizio di questo tipo ci si è accorti che l’erogazione di un servizio di e-recruiting in questo ambito può configurare una serie di nuove opportunità per le imprese tali da giustificare una trattazione separata rispetto agli altri strumenti.

Il servizio Placement dell’Università degli Studi di Trento ha come obiettivo quello di fare incontrare la domanda di lavoro espressa dalle imprese con l’offerta di profili professionali rappresentati dai laureati dell’Ateneo.
Per quanto riguarda i laureati ed i laureandi dell’università, il Placement mette a disposizione dei propri utenti strumenti ed occasioni per orientarsi nel mondo del lavoro e per prepararsi al meglio ad affrontarlo. In particolare vengono organizzati incontri per spiegare le tecniche per affrontare un colloquio di lavoro, preparare un curriculum vitae efficace, conoscere le professionalità più richieste dalle aziende ed utilizzare gli strumenti per la ricerca del lavoro. Inoltre agli iscritti viene offerto un servizio di newsletter che notifica eventuali offerte di lavoro nelle quali viene ricercato un profilo in linea con le caratteristiche dell’utente. Per quanto riguarda le imprese partner il Placement permette loro di promuovere offerte di lavoro e di stage attraverso la pubblicazione in una pagina web del portale di Ateneo. Inoltre ogni azienda può richiedere l’elenco dei laureati oppure, in base alle proprie esigenze, accedere ad un servizio di pre-screening dei profili effettuato dagli addetti dell’ufficio Placement. Alle aziende viene inoltre offerta l’opportunità di interagire direttamente con i laureandi ed i laureati attraverso gli incontri che periodicamente vengono organizzati. In questo contesto il Placement si configura come un intermediario tra la domanda e l’offerta di lavoro, ruolo che viene sancito dall’articolo 6 del decreto legislativo 10 settembre 2006, n.276 nel quale viene specificato che le università possono svolgere attività di intermediazione tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Dalla situazione presentata si può comprendere come la creazione di un servizio di social network orientato al recruiting offerto dal servizio Placement e basato sulle caratteristiche di Mywweb e Sweb offra un nuovo scenario nel quale le imprese possono effettuare le proprie strategie di recruiting visionando direttamente i profili dei laureati ed interagendo con loro.

Il primo punto da prendere in considerazione è la composizione degli utenti a cui viene offerto il servizio. Essendo un servizio erogato dall’università l’accesso deve necessariamente essere controllato e limitato solo alle persone che hanno terminato o stanno terminando un percorso di studi all’interno dell’Ateneo.

Nello specifico possono aderire al servizio:

  • laureandi triennali e specialistici
  • laureati triennali
  • laureati specialistici;
  • dottorandi;
  • partecipanti ai master;
  • ricercatori;
  • alumni.

Per quanto riguarda la figura dei laureandi la possibilità di iscrizione al servizio viene concessa nel momento in cui il soggetto possiede i requisiti per presentare la domanda di laurea, quindi in una fase avanza della propria carriera. Nella categoria laureati, sia triennali che specialistici, vengono compresi i soggetti che hanno conseguito il titolo entro i diciotto mesi precedenti. I dottorandi, i partecipanti ai master ed i ricercatori sono a tutti gli effetti dei laureati triennali o specialistici ma date loro caratteristiche si è deciso di creare delle categorie separate date le loro diverse caratteristiche ed esigenze. Oltre a queste categorie di soggetti si è scelto di permettere l’accesso anche ai laureati dell’Ateneo che hanno conseguito il titolo da oltre 18 mesi inserendoli nel gruppo degli alumni. L’ufficio Placement attualmente non eroga servizi verso questa categoria di utenti ma si è deciso di comprenderli tra gli attori del sistema perché rappresentano un’importante risorsa sia per le aziende che per le categorie di attori sopra presentate. Con maggiore probabilità rispetto ai neolaureati gli alumni sono già inseriti all’interno degli organici aziendali ed in questo modo possono svolgere un ruolo attivo per la propria azienda nella ricerca di un candidato e allo stesso tempo possono rappresentare un punto di contatto con le aziende per chi è alla ricerca di una nuova occupazione. Inoltre dal punto di vista delle aziende questi soggetti possono rappresentare possibili candidati con un’esperienza maggiore rispetto alle altre categorie individuate.

Essendo un servizio gestito dall’Università degli Studi di Trento all’interno del sistema è prevista anche la partecipazione dei docenti, una figura che intrattiene continuamente rapporti con le imprese nazionali e internazionali. Una ricerca condotta tra i docenti dell’Ateneo evidenzia come il 94,4%44 del campione dichiari di intrattenere rapporti occasionali o frequenti con imprese private a testimonianza del fatto che i docenti sono figure che scambiano continuamente informazioni con il mondo delle imprese. Questo fattore di vicinanza con il mondo aziendale può fornire un ulteriore punto di contatto tra l’azienda ed i profili formatisi nell’Ateneo.

Naturalmente all’interno del network si troveranno poi ad operare le aziende iscritte al Placement, attraverso un account aziendale, ed i responsabili del servizio.

Tra gli attori vengono esclusi gli studenti che non possiedono i requisiti per presentare la domanda di laurea perché si vuole offrire alle imprese la possibilità di interagire solo con i profili più qualificati. In questo modo si limitano i rischi derivanti da comportamenti poco consoni alle finalità del servizio situazione peraltro scongiurata dalla verifica dell’identità dei partecipanti.

Ogni attore previa iscrizione al servizio ha la possibilità di creare un proprio profilo che, ad esclusione delle aziende, dei docenti e dei responsabili del Placement, corrisponde ad un curriculum vitae. Oltre alle informazioni inserite dall’utente ogni profilo contiene le informazioni legate al corso di laurea frequentato nell’Ateneo. Questo significa che tutte le informazioni contenute nei syllabus dei corsi frequentati dall’utente possono essere sfruttate dalle imprese nella fase di ricerca attiva di un candidato estendendo in questo modo le informazioni reperibili.

All’interno di ogni profilo vengono presentati i corsi seguiti dal candidato ed i relativi link ai syllabus nei quali viene segnalato anche il docente responsabile. Con la possibilità di verificare i programmi dei corsi frequentati dal candidato l’azienda può comprendere meglio le reali conoscenze possedute dal soggetto e valutare in modo più completo il profilo.

Trattandosi di un servizio di social network dedicato all’e-recruiting basato sulla piattaforma Sweb e Mywweb il servizio, oltre ad una sezione dedicata alle offerte di lavoro, ha le stesse caratteristiche presentate precedentemente offrendo ad ogni attore tutti gli strumenti di comunicazione già visti. In questo modo si viene quindi a configurare uno spazio virtuale all’interno del quale gli attori hanno a disposizione non solo strumenti per la creazione e la gestione di un network ma anche spazi di interazione che possono favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn