4.5 I vantaggi della partecipazione ad un sito di social network professionale universitario

Uno dei limiti degli attuali siti di social network professionali è la scarsa partecipazione dei profili junior, cioè di candidati che hanno da poco terminato gli studi, con poca esperienza e che si accingono per la prima volta ad entrare nel mondo del lavoro. Questa situazione rende difficile per le imprese attuare le proprie strategie di e-recruiting verso questa categoria di candidati molto ricercata data la loro preparazione e disponibilità ad essere formati all’interno dell’impresa. Per questo motivo il poter accedere ad un servizio specificatamente indirizzato a questa fascia di individui rappresenta una nuova opportunità per le imprese che vogliono entrare in contatto con i neolaureati per promuovere le offerte lavorative e la propria immagine aziendale in un’ottica di employer branding.

Un altro aspetto da prendere in considerazione è la certificazione dell’identità dei candidati con i quali l’impresa entra in contatto. A differenza di ogni altro strumento di e-recruiting attraverso il servizio proposto dal Placement l’identità degli utenti è certificata dall’Ateneo che si fa garante dei dati personali degli utenti come il nome, il cognome, l’anno di nascita ed il comune di residenza e dell’istruzione da lui stesso impartita. Questo significa che l’azienda una volta individuato un possibile candidato può osservare, nel caso il soggetto lo permetta, quali siano gli esami sostenuti ed il voto conseguito con la certezza che quell’informazione non è stata inserita dall’interessato ma fa parte del sistema universitario per la gestione della carriera universitaria degli studenti. In questo modo, ad esempio, l’azienda può verificare la conoscenza della lingua inglese andando a vedere il voto conseguito dallo studente nell’esame relativo e non limitarsi alla sola informazione presente all’interno del profilo.

Anche la presenza dei docenti è un elemento importante per le aziende che operano all’interno del network. Ogni professore che aderisce al servizio dispone di una propria pagina personale e può essere contattato dalle aziende qualora si rendesse disponibile. Questa figura rappresenta un’importante fonte di informazioni su possibili candidati data la relazione che ogni professore instaura con i propri studenti. Creando gruppi di progetto ed incentivando la produzione di elaborati il docente è in grado di comprendere le caratteristiche e le abilità dei suoi studenti e l’azienda può a sua volta accedere a queste informazioni contattando il docente.

Attraverso il sistema l’azienda può beneficiare delle segnalazioni che ogni docente può fare semplicemente inoltrando il profilo dei candidati che ritiene particolarmente meritevoli e che presentano le competenze necessarie per operare in quel determinato settore o in quella determinata azienda.

La sinergia tra docente ed impresa può inoltre essere sfruttata nella realizzazione di progetti e concorsi per valutare le competenze del candidato. Si è visto come il sistema Mywweb permetta la creazione di concorsi e progetti volti a raccogliere il materiale creato dagli utenti in modo da offrire alle imprese una prova tangibile delle reali capacità dei candidati. L’impresa all’interno del servizio ha quindi l’opportunità di sviluppare autonomamente questo tipo di iniziative oppure può cercare di creare una partnership con un docente il quale può inserire questo tipo di iniziative all’interno del programma di lavoro del proprio corso.

Iniziative di questo tipo permettono all’azienda di promuovere il proprio nome verso gli studenti che devono ancora affacciarsi nel mondo del lavoro e che potrebbero essere favorevolmente colpiti da questo tipo di attività e dall’attenzione che l’impresa dimostra nei confronti dei loro profili.

Si tratta quindi di un nuovo modo per promuovere l’immagine aziendale in ottica di e- recruiting che permette di raggiungere un target di candidati ben definito, caratterizzato da un livello di istruzione medio alto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn