Category Archives: Web 360

Come accedere a Instagram via web

Instagram è sicuramente una delle applicazioni per iPhone di maggiore successo, testimoniato anche dai finanziamenti ricevuti lo scorso mese.

Purtroppo l’applicazione è attualmente disponibile solo per iPhone e, come avrete probabilmente visto, il servizio di foto sharing non dispone di un sito web utilizzabile per seguire gli utenti e per vedere le foto che vengono condivise.

Se però volete seguire i profili Instagram degli utenti e non volete e aspettare la versione di Instagram per Android (in arrivo) o per Windows Phone (in arrivo?) potete iniziare utilizzare Webstagram.

Webstagram vi permette di guardare tutte le foto pubblicate da un utente Instagram anche senza l’applicazione mobile. Il sito, oltre a garantirvi di accedere allo streaming di un solo utente, vi permette di vedere anche le immagini “hot”, cioè quelle che stanno riscuotendo il maggiore successo su Instagram in quel particolare momento.

Webstagram è quindi a tutti gli effetti un’accesso web ad Intragram e si rivela particolarmente comodo per chi non possiede un iPhone.

Vi siete mai chiesti perché Instagram, oltre all’applicazione mobile, non abbia un sito vero e proprio all’interno del quale condividere le proprie foto? La risposta è semplice: instagram nasce da due persone e quindi sviluppare anche un servizio web sarebbe abbastanza complicato. Recentemente però hanno assunto 4 ingegneri quindi nei prossimi mesi ci saranno delle novità, in primis la versione di Instagram per Android.

Twipho: cercare le foto su Twitter

Twitter è probabilmente il migliore strumento per seguire gli avvenimenti in tempo reale: eventi sportivi, rivolte, terremoti, presentazioni, fiere e chi più ne ha più ne metta.

Questa mole di informazioni è però, in molti casi, difficilmente navigabile se ci affidiamo agli strumenti di ricerca che ci mette a disposizione il popolare social network.
Una delle mancanze più grandi è l’impossibilità di filtrare i materiali multimediali che vengono condivisi.

In questa contesto ci viene in aiuto Twipho un servizio che permette di ricercare solo le foto correlate ad una nostra ricerca. Twipho permette di selezionare all’interno di quali servizi ricercare le immagini come twitpic, yfrog e instagram offrendo un’anteprima delle ultime 100 immagini pubblicate.

Un servizio molto comodo se volete seguire gli avvenimenti attraverso le immagini pubblicate dagli utenti.

5 strumenti per analizzare il tuo profilo Twitter


Analizzare l’andamento del proprio profilo all’interno di Twitter è una fase importante per ottimizzare la propria presenza all’interno del network. Tale considerazione è ancor più importante se state gestendo un account aziendale che magari state anche promuovendo con campagne di marketing.
Segnatevi quindi questi 5 srumenti per analizzare il vostro profilo Twitter:
Twitter Grader: per conoscere il tuo rank su Twitter, chi seguire nelle tue vicinanze e trovare nuovi utenti da seguire.
Twitterholic: per trovare i top profile su Twitter e per avere alcune interessanti statistiche del tuo profilo.
TweetStats: offre analisi statistiche e grafici sul tuo profilo.
Twitter Friends: per scoprire anche grazie a dei grafici le statistiche delle tue conversazioni su Twitter.
Tweetwasters: per scoprire quanto tempo hai trascorso scrivendo su Twitter.
Retweetrank: mostra la quantità di retweet del tuo profilo e dei tuoi followers.

Commentate l’articolo se avete altri suggerimenti che volete condividere.

5 metriche per calcolare l’usabilità di un sito web


Nel nostro paese l’usabilità, sopratutto in ambito web, è un tema poco trattato e sopratutto non valorizzato all’interno delle aziende, siano essere impegnate nel web oppure in altri settori economici.
Le cause di questa situazione sono sicuramente molte e non voglio entrare nel merito del dibattito, almeno in questo articolo.
Quello che vi voglio presentare sono solo alcune delle metriche che potete utilizzare nelle vostre valutazioni:

  • Tempo d’azione: è il tempo totale che serve all’utente per completare l’attività. Il crometro viene fatto scattare quando l’utente ha completato la lettura del compito da portare a termine e viene stoppato nel momento in cui tutte le azioni sono terminate, comprese eventuali revisioni.
  • Livello di completamento dell’attività: è probabilmente la metrica più importante. Ogni task può essere completato oppure no quindi ad ogni test si dovrà associare il valore di 1 oppure di zero
  • Livello di soddisfazione circa il compito e il test: si tratta di una metrica qualitativa che consiste nel chiedere all’utente di esprimere un parere circa la difficoltà incontrata nel portare a termine il compito assegnato e nell’effettuare il test.
  • Errori: il monitoraggio degli errori è vitale per migliorare l’usabilità. Comprendere le differenze tra i sleeps e i mistake che commettono gli utenti risulta un passo essenziale per individuare i problemi relativi all’interfaccia grafica.
  • Tempo per pagina e numero di click: si tratta di una metrica che viene utilizzata principalmnete in applicazioni web e spesso in correlazione con il tempo di completameto del task.

Quelle illustrate sono solo alcune delle metriche per calcolare l’usabilità ma potete applicarle fin da subito ad una delle vostre prossime valutazioni.
Se state cercando un libro sull’usabilità vi consiglio quello di Jeff Sauro A Practical Guide to Measuring Usability: 72 Answers to the Most Common Questions about Quantifying the Usability of Websites and Software“. Purtroppo il libro non è ancora disponibile in Italia ma potete comprarlo sullo Store Usa di Amazon
.

Amazon Silk: il nuovo browser di Amazon

Amazon Silk è stato appena presentato durante l’evento Amazon per la presentazione del kindle fire. Il nuovo browser di Amazon promette di ridurre i tempi di caricamento delle pagine, migliorando quindi l’esperienza utente.
Per capire nel dettaglio come lavora Amazon Silk vi lascio al video di presentazione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=_u7F_56WhHk[/youtube]