Biomed Expert, social network in campo biomedico

BiomedExpert è un social network dedicato a tutte le persone che operano nel campo biomedico.

All’interno di BiomedExpert è possibile ritrovare il profilo di più di un milione di esperti del settore anche se questo non significa che gli utenti attivi siano così numerosi. Il sistema infatti sfrutta la banca dati National Library of Medicine ed altri database pubblici per creare i profili dei vari esperti. Secondo l’informativa sulla privacy il servizio colleziona dati liberamente accessibili, presentando nei profili informazioni quali nome, email, numero di telefono, istruzione e soprattutto le pubblicazioni redatte. Questo il punto di partenza dei network che si possono creare ed ampliare.

Immaginiamo di aver pubblicato un articolo assieme ai dei nostri collaboratori i quali hanno pubblicato altri articoli o ricerche assieme ad altri colleghi, secondo questo meccanismo noi abbiamo già un network dal quale partire per cercare nuove relazioni e collaborazioni.

Per poter partecipare attivamente a Biomed Expert è necessario aver pubblicato almeno 4 articoli negli ultimi dieci riconosciuti dalla Pubmed database questo al fine di convalidare i profili precostituiti. E’ comunque possibile creare un profilo ex novo anche se non viene specificata la procedura da seguire.

Biomed Expert offre molti spunti interessanti. Innanzi tutto mostra come oggi ci siano ancora spazi per la creazione di nuovi social network a patto che abbiano un target mirato e offrano servizi realmente utili. Un altro spunto di riflessione viene poi anche dal fatto che il nuovo servizio crea in modo automatico dei profili aggregando informazioni personali sparse per il web. A questo punto possono insorgere dubbi circa la privacy degli utenti che, senza saperlo, potrebbero avere un profilo sul quale le informazioni inserite non del tutto veritiere.

Se qualcuno già utilizza il servizio mi piacerebbe sapere qualche parere, soprattutto per quanto riguarda i dati contenuti nei profili precompilati.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata
I campi obbligatori hanno un *